Spiumatrice per polli: come funziona e come utilizzarla correttamente

Spiumatrice per polli: come funziona?

Per facilitare la preparazione della carne di polli e di altri animali, viene utilizzata la spiumatrice, ormai diventato accessorio fondamentale. Come suggerisce il suo nome, lo scopo che si prefigge è aiutare a rimuovere le piume in eccesso, garantendo che l’animale non presenti più tali residui. 

Ma come funziona esattamente una spiumatrice? In che modo deve essere utilizzata? Esistono regole e cautele che bisogna tenere in considerazione? Fermo restando che tutte le tipologie di spiumatrici vengono vendute con apposito manuale di istruzioni, in questo articolo cercheremo di riassumere le informazioni più importanti in merito alla corretta preparazione e utilizzo del prodotto. 

Spiumatrice per polli: la fase preparatoria

Il pollo, già dissanguato, va immerso nell’acqua calda, che deve avere una temperatura di circa 70 gradi, per un solo secondo, facendo naturalmente attenzione a non scottarsi ed evitando che il pollo resti per qualche secondo in più immerso nell’acqua, altrimenti il rischio è che la pelle si deteriori.  Se viene ripetuta per 3 o 4 volte, tale procedura garantisce che le piume si stacchino con estrema facilità. 

Per alcune tipologie di animali, come anatre e oche, l’immersione avviene all’interno di un recipiente contenente acqua calda, sale alimentare marino e aceto. Inoltre, per favorire l’ingresso dell’acqua tra le piume, è opportuno aiutarsi con uno scopettone, da sfregare contro il corpo dell’animale. 

L’inserimento del pollo nella spennatrice

Dopo la fase di preparazione, il pollo va inserito dentro la spiumatrice. Qual è il modo corretto per farlo? Poggiando la sua schiena sul fondo. Preferibilmente, le zampe possono essere asportate in modo da favorire uno spiumaggio più celere e agevole. 

Una volta terminata anche questa procedura, basta semplicemente chiudere ermeticamente il coperchio e lasciare che sia il dispositivo a fare il resto del lavoro.

Come utilizzare una spiumatrice per volatili

Di solito, gli spennapolli si differenziano l’uno dall’altro per la modalità di funzionamento, che nella maggior parte è parziale. Però, quelle più moderne e affidabili posseggono un meccanismo rotante a umido, che viene utilizzato per spennare i volatili più diffusi, come polli, faraoni, tacchini, oche e anatre. 

Una volta che il meccanismo viene azionato, il corpo centrale del dispositivo inizierà a girare, con l’animale che entra in modalità rotazione. Il corpo dell’animale entra ripetutamente a contatto con dei ditoni, permettendo così a quest’ultimi di spiumarlo completamente. 

Può capitare che, a schiumatura terminata, possono essere ancora presenti alcuni piccoli residui di piumaggio sull’animale. Cosa fare in questo caso? Siccome è possibile che la spiumatrice non sia in grado di rimuovere tutte le piume, quelle rimaste devono essere asportate a mano. 

È importante ricordare che dentro una spiumatrice rotante a umido possono essere inseriti più animali, che non devono però superare il peso indicato dal produttore. Un altro consiglio è quello di non utilizzare il macchinario per più di 10 secondi, poiché un tempo superiore potrebbe rovinare la pelle del volatile. 

Infine, è opportuno sottolineare che esiste, oltre alla ricca gamma di spiumatrici per polli e quaglie, un vasto assortimento di ricambi, tra cui rulli per spiumatrici e le dita del rullo.

Le caratteristiche di una spiumatrice rotante a umido

Quando si parla di spiumatrice rotante a umido, ci si riferisce a un macchinario molto robusto, efficace e facile da pulire. Come visto in precedenza, nella sua progettazione è previsto l’utilizzo per diverse tipologie di pollame (faraone, polli, oche, anatre, ecc.), esclusi quaglie e animali simili. 

La spiumatrice rotante a umido consente di spennare contemporaneamente più animali, fino a un totale di circa 6 kg. Dopo la procedura descritta in precedenza, si attiva un sistema di lavaggio ad acqua, il quale consente la facile eliminazione delle piume che si trovano all’interno del macchinario. 

Spiumatrice rotante ad umido Cylindra per pollame, art. 9900

Accorgimenti da prendere prima di utilizzare una spiumatrice

Vale la pena a questo punto fare un riassunto degli accorgimenti da prendere prima di inserire nella spennatrice dell’animale:

  • il volatile va sempre mattato seguendo le norme vigenti;
  • evitare di lacerare troppo la pelle dell’animale;
  • l’animale deve essere completamente dissanguato;
  • indossare guanti protettivi per evitare di ustionarsi durante l’immersione dell’animale. 

L’immersione varia in base al tipo di animale. Per polli e galline, la temperatura dell’acqua deve essere attorno ai 70 gradi e devono restare immersi soltanto per un minuto e mezzo

Invece, per quanto riguarda i palmipedi, come oche e anatre, la temperatura dell’acqua è la medesima di quella per polli e galline, ma devono stare in immersione almeno per 3 minuti. Per agevolare l’operazione, il consiglio è di sollevare le piume utilizzando un piccolo rastrello. 

Per entrambe le tipologie di animali, controllare che il piumaggio venga staccato con facilità e, successivamente, introdurli nella spennatrice.

 

Ora che conosci come funziona una spiumatrice per volatili, consulta la